svezzamento

Svezzamento – Pesce

Hai parlato con il pediatra ed è giunto il momento di iniziare ad aggiungere il pesce alla dieta del tuo bambino.
A che età introdurlo? Meglio fresco o omogeneizzato? Come cucinarlo?

Le linee guida dicono che si può integrare a partire dal sesto mese, quindi a svezzamento avviato, 2-3 volte la settimana. 
Inizialmente meglio usare gli omogeneizzati piuttosto che il pesce fresco perché durante la preparazione vengono utilizzate le parti migliori tra cui il filetto che ha un gusto più delicato ed è più digeribile.


Le prime volte si può aggiungere direttamente qualche cucchiaino di omogeneizzato alla pappa a cui è abituato il piccolo poi, quando avrà conosciuto il gusto, potrà essere proposto da solo con un piccolo contorno di verdure.

Quando inizierai a preparare il pesce fresco ci sarà qualche passaggio in più da fare, 
in quanto va pulito dalle viscere e dalle squame e poi lavato sotto l’acqua corrente.

Dopo la cottura dovrai eliminare la testa, la coda, la pelle e le lische (meglio schiacciare bene con una forchetta per trovare anche quelle più piccole). 
Non serve fare ricette troppo complesse, basta cucinarlo al vapore e condirlo con un filo di olio extravergine d’oliva.

Sono sconsigliati gamberi e crostacei fino ai 2 anni di età, in quanto sono alimenti che potrebbero causare allergia. 
Se il tuo bambino è a rischio aspetta fino all’anno di età, prima di aggiungere il pesce alla sua alimentazione.

Ci sei già passata? Vuoi dare qualche consiglio alle mamme che stanno affrontando questa esperienza per la prima volta?

I contenuti di Mamme di Bolzano e dintorni sono puramente a carattere informativo. Non sostituiscono in nessun modo il parere del medico.

Latest from 1-5 Anni

auerosol, raffreddore, influenza

AEROSOL

Ricordate i vecchi aerosol grigi e rumorosi? Una volta era molto difficile
0 0.00
Torna Su