scuola estate

Scuole aperte anche d’estate?

Centinaia di genitori richiedono al ministro Fedeli di soddisfare la richiesta di lasciare le scuole aperte anche d’estate.  Una decisione importante che cambierebbe le vite di tutti noi.
Ma se ce ne sono molti che optano per il sì, ce ne sono altrettanti che votano per il no e che sono contrari a questa proposta.

Non è la  prima volta che questa domanda viene sollevata: esiste una direttiva del ministero del 1997 la quale dice che le scuole devono restare aperte anche d’estate. Direttiva inattuata, tranne in alcuni istituti in cui sono in corso progetti specifici; nel 2013 Mario Monti propose di tenere la scuola chiusa solo un mese; nel 2015 Giuliano Poletti, ministro del lavoro, venne travolto da critiche quando disse che tre mesi di vacanza sono troppi. Tutti i quesi tentativi di aumentare le ora a scuola sono però falliti.

Ora è il turno del progetto del ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, che propone di tenere le scuole aperte tutto l’anno, estate inclusa. La prima bozza del suo piano potrebbe essere già pronta per essere annunciata ufficialmente all’inizio del prossimo anno scolastico.

Con i professori?
Bidelli, presidi e addetti alla segreteria lavorano anche d’estate ma non i professori! Come fare quindi per garantire una buona assistenza agli studenti? Innanzitutto l’orario degli insegnanti sarebbe da rimodulare e poi sarebbero da assumerne altri, magari giovani precari.

Ma cosa si farebbe a scuola d’estate?
Effettivamente le scuole sono già aperte ma non devono diventare il  parcheggio di chi lavora e non sa dove lasciare i propri figli. Sicuramente il tema dei contenuti proposti sarà fondamentale per tenere ben distinto il servizio assistenziale o sociale dalla formazione, che è il compito primario della scuola.
Fare lezioni vere e proprie in estate non sarebbe semplice!  Basta pensare al Sud dove le temperature sono alte e dove le aule non hanno di certo l’aria condizionata.

O senza professori?
Il ministro dice che «Non ci si può confondere parlando di scuola aperta d’estate, e chi lo fa conosce molto poco la scuola italiana. Non c’è solo l’anno scolastico, ci possono essere attività con associazioni o altri soggetti ma tutto questo non c’entra con la docenza. Quindi non ci saranno docenti in estate».

Attendiamo fiduciosi, Al momento la strada per questa proposta è tutta in salita.
Chissà come la pensano gli studenti, che all fine sono i diretti interessati.

Latest from Scuola

0 0.00
Torna Su