Contributo integrativo dell’assegno provinciale al nucleo familiare

Di cosa si tratta
E’un aiuto economico per i nuclei familiari in cui i padri lavorano come dipendenti nel settore privato in provincia di Bolzano ed usufruiscono del congedo parentale nei primi 18 mesi di vita del proprio figlio/della propria figlia, per un periodo minimo di due mesi interi continuativi.

Per i padri adottivi o affidatari i 18 mesi decorrono dalla data del provvedimento di adozione o affidamento.

Chi ne ha diritto?
– chi ha già presentato domanda di assegno provinciale al nucleo familiare di cui all’art. 9 della Legge provinciale 17 maggio 2013, n. 8, relativamente al periodo per cui si richiede il contributo integrativo;
– chi è in possesso di tutti i requisiti necessari ai fini dell’accesso all’assegno provinciale al nucleo familiare.

Il padre, anche adottivo o affidatario:
– deve lavorare come dipendente nel settore privato in provincia di Bolzano;
– deve aver usufruito del congedo parentale di cui all’articolo 32 del Decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, e successive modifiche entro i primi 18 mesi di vita del proprio figlio/della propria figlia e per un periodo minimo di due mesi interi continuativi.

Per mese intero continuativo si intende il periodo di tempo intercorrente tra il giorno di un mese e il giorno antecedente al corrispondente giorno del mese successivo (ad es. dal 28 luglio 2019 al 27 agosto 2019);

– qualora non fosse il richiedente del contributo integrativo, deve far parte del nucleo familiare dichiarato nella domanda di assegno provinciale al nucleo familiare.

NON ha diritto al contributo integrativo il nucleo familiare in cui il figlio/la figlia abbia frequentato un servizio per la prima infanzia nel periodo in cui il padre ha usufruito del congedo parentale per il quale ha richiesto il contributo integrativo.

Quali documenti servono?
Se la domanda viene inviata dal cittadino con posta elettronica o fax, occorre presentare una copia della carta di identità del richiedente.​

Quanto costa questo servizio?
Il servizio è gratuito.

Per quanto tempo si riceve il contributo integrativo?
Il contributo integrativo viene erogato per un minimo di due e un massimo di tre mesi interi continuativi di godimento del congedo parentale.

Per mese intero continuativo si intende il periodo di tempo intercorrente tra il giorno di un mese e il giorno antecedente al corrispondente giorno del mese successivo (ad es. dal 28 luglio 2019 al 27 agosto 2019)

Dove si presenta la domanda?
Si può presentare la domanda direttamente ad ASSE, oppure tramite i Patronati della Provincia autonoma di Bolzano, i quali si occuperanno di inoltrarla ad ASSE.

Quando si può presentare la domanda?
La domanda può essere presentata a partire dalla data in cui il padre ha terminato il congedo parentale per il quale si richiede il contributo integrativo e non oltre 90 giorni da tale data.

A quanto ammonta l’assegno?
Il contributo integrativo ha un valore di:
– 400,00 € al mese nel caso di padri che godono di un’indennità pari al 30% della retribuzione durante il periodo di congedo parentale per cui si presenta domanda di contributo integrativo;
– 800,00 € al mese nel caso di padri che non percepiscono alcuna retribuzione durante il periodo di congedo parentale per cui si presenta domanda di contributo integrativo;
– 600,00 € al mese nel caso di padri che percepiscano l’indennità pari al 30% della retribuzione solo per parte del periodo di congedo parentale per cui si presenta domanda di contributo integrativo.

Quando verrà pagato il contributo integrativo?
L’assegno viene erogato in un’unica soluzione insieme all’importo dell’assegno provinciale al nucleo familiare e secondo le stesse modalità.​

Ente competente

ASSE Agenzia per lo sviluppo sociale ed economico
Palazzo 12, via Canonico Michael Gamper 1, 39100 Bolzano
Telefono: 0471 41 83 00
Fax: 0471 41 83 29
E-mail: aswe.asse@provincia.bz.it
PEC: aswe.asse@pec.prov.bz.it
Web: https://aswe.provinz.bz.it/



Latest from Assistenza economica

work, time, relax

AVVOCATO RISPONDE

La rubrica “Avvocato risponde” è curata dall’avvocato Laura Vendrame Innocenti, di Bolzano.
0 0.00
Torna Su