visite fiscali

Visite fiscali: i controlli diventano più severi

Attenzione! Dal 1° gennaio 2018 sono cambiate le norme per le visite fiscali: i controlli sono diventati più severi. Fino all’anno scorso il medico effettuava un solo controllo e non poteva più tornare fino alla fine del periodo indicato sul certificato medico.

Oggi, quante volte può tornare il medico fiscale incaricato dall’INPS per verificare se siamo effettivamente a casa ammalati o se stiamo facendo i furbetti?

Da quest’anno, grazie alla riforma della Pubblica Amministrazione voluta dalla Ministra Madia, sono state introdotte nuove regole per le visite fiscali: il lavoratore assente per malattia ha l’obbligo di essere reperibile per tutto il periodo di assenza dal lavoro (ma solo negli orari delle fasce di reperibilità) anche nel caso in cui sia già stato sottoposto alla visita fiscale.

Se non si vogliono ricevere multe (per chi non rispetta l’obbligo di reperibilità è prevista la decurtazione del 100% della retribuzione per i primi 10 giorni di assenza e del 50% per i successivi), è meglio rimanere a casa durante gli orari delle visite fiscali, visto che il medico incaricato dall’INPS potrebbe tornare in qualsiasi momento.

Cosa fa il medico fiscale?
Il medico fiscale è incaricato dall’INPS ed ha il compito di valutare le condizioni del lavoratore, verificando che questo rispetti gli obblighi di reperibilità (nelle fasce orarie 09/13 e 15/18per i dipendenti pubblici, 10/12 e 17/19 per quelli privati), confermando che si trova in uno stato di salute tale da non permettergli di andare al lavoro.

Durante la visita fiscale il medico può decidere che la malattia è finita obbligandoci a tornare a lavoro prima della data scritta sul certificato.

Queste nuove norme sono state estese anche al settore privato, mentre sono rimasti invariati gli orari di reperibilità:
– dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 19:00 per i dipendenti privati
– dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00 per i dipendenti pubblici.

Quando può venire il medico fiscale?
Ad eccezione degli orari non compresi nelle fasce di reperibilità, il medico fiscale può venire in qualsiasi momento e in ogni giorno della settimana, anche nei giorni festivi, in quelli di riposo e nei fine settimana (sabato e domenica).

Inoltre le visite fiscali possono essere effettuate sin dal primo giorno di assenza dal lavoro, specialmente quando questo si verifica in prossimità delle giornate festive e del riposo settimanale.

Il medico fiscale può tornare?
Sì, dal 1° gennaio il medico può tornare ogni volta che lo ritiene giusto, anche nello stesso giorno!

Per incentivare i controlli fiscali, sono previsti dei premi economici ai medici proprio in base al numero delle visite effettuate!

Addio assenteismo? Voi come la pensate al riguardo?

Per maggiori informazioni consultate i siti della Provincia, della Rete Civica, Comune, Inps o direttamente dal vostro patronato di fiducia.

Latest from Bambini

0 0.00
Torna Su